Versioni alternative: dimensione testo
IC De Amicis
martedì 19 aprile, 2016
Una due giorni di formazione sulla sindrome di Asperger
Il 16 e 17 aprile l'IC De Amicis è stato sede di un importante corso di formazione su i disturbi dell'autismo
immagine

 

Nelle giornate di sabato 16 e di domenica 17 aprile, l’Istituto Comprensivo De Amicis di Busto Arsizio è stato sede di una importante iniziativa nel senso di una integrazione sempre più piena e rispondente ai bisogni singoli.

L’associazione Spazio Asperger Onlus nelle persone dei relatori David Vagni e Davide Moscone ha tenuto un corso di formazione sul tema della conoscenza e dell’inclusione dei bambini/ragazzi affetti dai Disturbi dello Spettro Autistico e in particolare della Sindrome di Asperger. Il corso per il 2016 ha avuto quattro sedi in tutti Italia e una di queste è stata proprio Busto Arsizio e nello specifico l’aula magna della Scuola Secondaria di 1° De Amicis di Via Pastrengo 3.

I partecipanti al corso sono stati più di 120, provenienti anche da varie città del Nord e Centro Italia (Venezia e Pisa per fare due esempi): si è trattato di docenti, educatori, genitori ma anche Psicologi e Neuropsichiatri. Tutti hanno lavorato con grande intensità nei due giorni di corso e per più di otto ore al giorno, facilitati da un clima molto cordiale e aperto al confronto.

I docenti dell’IC De Amicis che hanno presenziato al corso hanno confermato la notevole occasione che ha rappresentato il corso in particolar modo per tutto quello che di ‘pratico’ e ‘concreto’ si è visto, si è discusso e si è sperimentato. In particolare nella giornata di domenica i corsisti hanno potuto sperimentare il Cat-Kit uno strumento per l’Educazione Cognitivo Affettiva che può sensibilmente aiutare chi è affetto dalla sindrome di Asperger a riconoscere e in qualche modo catalogare e interiorizzare emozioni che normalmente farebbe fatica a gestire o che suscitano in lui reazioni che, agli occhi di chi gli sta accanto, possono risultare sproporzionate. 

A questo link si può trovare l'articolo di Varese News del 19 aprile 2016